Incontro con Cesare Ronconi – Teatro Valdoca

Giovedì 18 febbraio 2016
Urban Center di Via Carpenino, La Spezia
ore 18.00

“arcaico prossimo”
incontro con Cesare Ronconi

comiziodamore

Cesare Ronconi, regista del Teatro Valdoca di Cesena, presenta il lavoro di una delle realtà più vive del teatro di ricerca degli ultimi trent’anni in Italia, nata dal sodalizio fra Ronconi e Mariangela Gualtieri, poeta e drammaturga.

Lo presenta attraverso alcune parole chiave che ne hanno orientato il percorso – attore, corpo, trucco, forze, vuoto, verso, destino, coro, unicità – e le immagini di spettacoli miliari come “Parsifal” (1999); “Paesaggio con fratello rotto” (2004); “Caino” (2011). Partendo dai due elementi fondanti della sua scrittura registica: il verso poetico e l’attore, inteso come corpo glorioso e fonte prima di ispirazione, il cui ruolo centrale porta in primo piano il magistero pedagogico di Ronconi, che per ogni spettacolo forma gli interpreti, portando così a maturità professionale molti giovani esordienti. Ogni sua opera, inoltre, è anche genesi di un inedito testo scritto da Mariangela Gualtieri, che prende vita nel fuoco delle prove e sotto la suggestione dei vari interpreti.

La presenza frequente di musica dal vivo, l’epicità dei suoi attori, sempre tesi verso il sovrumano e il sub-umano, la rinuncia alla narrazione, l’attenzione al presente della scena, la bassa progettualità, fanno degli spettacoli di questa Compagnia eventi carichi di ritualità, in cui il gioco delle forze e delle energie della scena conduce lo spettatore dentro l’esperienza della visione, e fanno del pubblico una comunità partecipe e in ascolto. http://www.teatrovaldoca.org

a seguire, aperitivo a cura di Osteria Bacchus

ingresso libero fino a esaurimento posti

per informazioni
FuoriLuogo +393282007184
Cristiana Suriani +39335307334

Al via la nuova stagione! Si parte con il maestro Danio Manfredini e la sua “Vocazione”

Inaugurazione della stagione:

Venerdì 30 e Sabato 31 ottobre ore 21.15, Dialma Ruggiero La Spezia

Danio Manfredini
Vocazione

vocazione_foto agnes dorkin

ideazione e regia Danio Manfredini

con Danio Manfredini e Vincenzo Del Prete
assistente alla regia Vincenzo Del Prete
progetto musicale Danio Manfredini, Cristina Pavarotti e Massimo Neri
disegno luci Lucia Manghi, Luigi Biondi – collaborazione ai video Stefano Muti –
sarta Nuvia Valestri
produzione La Corte Ospitale

Sarà Danio Manfredini, una delle voci più intense del teatro contemporaneo italiano, ad aprire la nuova stagione di Fuori Luogo, la rassegna di teatro contemporaneo del Dialma Ruggiero, organizzata dalla Compagnia degli Scarti e Balletto Civile (riconosciute quest’anno dal Ministero dei Beni Culturali), CasArsA Teatro e Comune della Spezia, con la direzione artistica di Renato Bandoli, Andrea Cerri e Michela Lucenti.

Vocazione, è un’interrogazione sul senso dell’arte ed esplorazione dei domini oscuri e inconoscibili dell’ispirazione. Un’avventura lirica che va a toccare la condizione dell’artista di teatro e la delicatezza del momento che sta attraversando. L’autore e regista traccia un quadro sulla figura dell’attore teatrale, dei vari stadi che attraversa e che lo conducono alla creazione, di come si contaminano i piani della vita con quelli dell’arte e viceversa, a partire dal repertorio teatrale in cui autori come Cechov, Shakespeare, Mariangela Gualtieri, Giovanni Testori o ancora Thomas Bernhard trattano esplicitamente la condizione dell’attore teatrale.

Danio Manfredini è autore e interprete di “Miracolo della rosa” (Premio Speciale Ubu per l’interpretazione, 1989), “Tra studi per una crocifissione”, “Al presente” (Premio Ubu miglior attore, 1999), “Cinema cielo” (Premio Ubu miglior regista, 2004) e “Il sacro segno dei mostri”. Nel 2010 si confronta con il repertorio e debutta nel 2012 con lo spettacolo “il Principe Amleto” dall’Amleto di Shakespeare, una produzione italo-francese (La Corte Ospitale, Danio Manfredini, Expace Malraux- Chambery, Aix en Provence). Nel 2013 riceve il Premio Lo Straniero come “maestro di tanti pur restando pervicacemente ai margini dei grandi circuiti e refrattario alle tentazioni del successo mediatico”. Dal 2013 è direttore dell’Accademia d’Arte Drammatica del teatro Bellini di Napoli.
_______________________________________________________________________________________________

Fortemente consigliata la prenotazione al 0187-713264 o 328-2007184
o a fuoriluogolaspezia@gmail.com (ingresso 13,5 euro, ridotto 10 euro)
_______________________________________________________________________________________________

Prossimo appuntamento:

Lunedì 2 novembre ore 21.15 – “La Spezia ricorda Pasolini”

Compagnia Astorritintinelli
Tutto il mio folle amore
omaggio a Pier Paolo Pasolini

“Tutto il mio folle amore” si apre con una morte, forse quella del poeta, ma anche quella di un mondo che ha sofferto sulla propria carne la degradazione e il deserto cresciuto intorno.
Un deserto voluto da una classe dominante che ha creato una nuova forma di potere e quindi una nuova forma di cultura, quel potere dei consumi che ha ricreato e deformato la coscienza del popolo italiano fino ad una irreversibile degradazione, che – scrive Pasolini negli Scritti Corsari – “non solo l’ ha scalfita, ma l’ ha lacerata, violata, bruttata per sempre..”

Da domani le Finali dal vivo del Premio INBOX!!!

inbox mail

brochure facciate esterne low

brochure facciate interne low

www.inboxproject.it

21-22-23 maggio 2015 – Fuori Luogo La Spezia

INBOX DAL VIVO 2015
una vetrina per il teatro emergente, 274 spettacoli, 6 compagnie finaliste,
49 repliche in palio.

In programma:
– Lo spettacolo vincitore dell’edizione 2014
– I 6 spettacoli finalisti dell’edizione 2015
– La proclamazione del Vincitore In-Box 2015
– Incontri con le compagnie e gli oltre 50 operatori direttori di teatri/festival/ circuiti
– Party di chiusura

IL PROGRAMMA
Giunto alla sua seconda edizione, dopo l’esordio fiorentino del 2014 (ospite di Teatro Cantiere Florida, Murmuris Teatro, Teatro delle Arti di Lastra a Signa/Teatro Popolare d’Arte e Fondazione Toscana Spettacolo), In-Box Dal Vivo continua a crescere (le compagnie ospitate sono diventate 6) e rappresenta sempre più il momento cruciale del progetto: pensato come strumento di valutazione in più a disposizione dei giurati, In-Box Dal Vivo è anche e soprattutto una situazione di incontro e dialogo per tutti gli “attori” del sistema teatrale: compagnie, operatori, critici, pubblico. Inoltre resta una vetrina in grado di offrire una grande visibilità per tutte le compagnie finaliste, non solo per quelle che andranno a comporre la “Selezione In-Box 2015″.

# 21 maggio – Auditorium Dialma Ruggiero (Via Monteverdi 117, La Spezia)
ore 21.00 Apertura In-Box Dal Vivo
ore 21.30 L’uomo nel diluvio – Amendola-Malorni (vincitore In-Box 2014)

# 22 maggio
ore 16.00 Pinocchio – Zaches Teatro – Auditorium Dialma Ruggiero (Via Monteverdi 117, La Spezia)
ore 18.30 L’insonne – Lab121 – CRDD Teatro della Marina (Piazza d’Armi)
ore 22.00 Amleto FX – VicoQuartoMazzini – Auditorium Dialma Ruggiero (Via Monteverdi 117, La Spezia)

# 23 maggio
ore 16.00 Donna non rieducabile – Santarita Teatro – Auditorium Dialma Ruggiero (Via Monteverdi 117, La Spezia)
ore 18.10 Breve racconto domenicale – Psicopompo Teatro – CRDD Teatro della Marina (Piazza d’Armi)
ore 21.00 Le vacanze dei signori Lagonìa – Teatrodilina – Auditorium Dialma Ruggiero (Via Monteverdi 117, La Spezia)
ore 00.00 Proclamazione “Selezione In-Box 2015” e “Vincitore In-Box 2015” e Party di chiusura – Arci Btomic (Via Firenze 27, La Spezia)

INFO E BIGLIETTERIA
– singolo spettacolo
13,50€ intero, 10€ ridotto under 30, 5€ studenti
– mini abbonamenti
1 giornata (22/05 o 23/05) 3 spettacoli: 20€ intero – 10€ studenti
2 giornate (22/05 e 23/05) 6 spettacoli: 30€ intero – 15€ studenti
– biglietteria: Centro Dialma Ruggiero – via C. Monteverdi 117

I LUOGHI DI IN-BOX DAL VIVO
* Auditorium Dialma Ruggiero – via C.Monteverdi 117
* CRDD Teatro della Marina, Piazza d’Armi
(ingresso a piedi su viale Amendola davanti alla Caserma Duca degli Abruzzi
* Arci B-Tomic, via Firenze, 27

CONTATTI
tel 0187-713264, 346-4026006, 347-7033678
www.fuoriluogoteatro.itwww.inboxproject.it
fuoriluogolaspezia@gmail.com, info@inboxproject.it
Straligut Teatro, Tel. 0577-374025 – 331-3022101

LA RETE DI IN-BOX
Nato da un’idea di Straligut Teatro, realtà toscana attiva da molti anni nell’ambito della promozione teatrale, attualmente in residenza artistica presso il Comune di Monteroni d’Arbia, In-Box è un progetto sostenuto da Fondazione Toscana Spettacolo e che gode per il 2014-15 anche del sostegno del Comune di Siena.
Il progetto al momento conta 43 partner ed è presente in 15 regioni italiane. Oltre ai sopracitati e all’ospite di In-Box Dal Vivo 2015, FuoriLuogo, compongono la rete:
Armunia/Festival Inequilibrio, AMAT, Arti Vive Habitat, A.T.C.L. Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio, Capotrave/Kilowatt, Circuito Teatro Stabile dell’Umbria, Concentrica, Elsinor Teatro Stabile di Innovazione/Teatro Cantiere Florida, Festival Città delle 100 Scale, Fondazione Live – Piemonte dal Vivo, Fondazione Sipario Toscana Onlus, Teatro dell’Argine, Kronoteatro, La Piccionaia S.C.S., Minimal Teatro, Murmuris Teatro, Officinateatro, Operaestate / B.Motion, Rete Teatrale Aretina, Teatri Associati di Napoli, Teatri di Vetro Festival/Triangolo Scaleno Teatro, Teatro Comunale di Casalmaggiore, Teatro del Cerchio, Teatro delle Arti/Teatro Popolare d’Arte, Teatro dell’Olivo, Teatro Lanciavicchio, Teatro PimOff, Teatro Portland, TPP, Teatro Studio Krypton.
I nuovi ingressi sono:
Cedac Sardegna, Ente Teatro Cronaca, Matuta Teatro, Teatro Bellini di Napoli, Teatro Comunale Corsini-Compagnia Catalyst, Teatro Stabile della Sardegna, Compagnia Eccentrici Dadarò.

GLI SPETTACOLI
Eterogenea e di valore la rosa dei finalisti 2015, che propongono spettacoli molto diversi fra loro per tematiche affrontate, linguaggi utilizzati, numero di attori in scena; così come le compagnie offrono uno spaccato interessante delle diverse “emergenze” della scena teatrale contemporanea.

“L’insonne” di Lab121 (di Claudio Autelli, con Alice Conti e Francesco Villano) è una immaginifica riflessione sul rapporto tra tempo, memoria, emigrazione e costruzione d’identità ispirato da “Ieri” di Agota Kristof.

“Pinocchio” di Zaches Teatro (regia di Luana Gramegna, scene, costumi, maschere e pupazzi Francesco Givone, con Gianluca Gabriele, Giulia Viana, Enrica Zampetti) è uno spettacolo tout public che reinterpreta la celebre opera di Collodi con uno stile fiabesco e perturbante dal forte impatto visivo.

“Amleto FX” di VicoQuartoMazzini (di e con Gabriele Paolocà, collaborazione alla regia di Michele Altamura e Gemma Carbone), è “un’indagine sulla moda del deprimersi dei nostri tempi”, che miscela satira feroce, intimismo e disperazione in un assolo generazionale.

“Breve racconto domenicale” di Psicopompo Teatro (regia di Manuela Cherubini, con Luisa Merloni, Marco Quagli, Alessandro Riceci, Patrizia Romeo) traduce e mette in scena un testo di Matìas Feldman che racconta desideri e frustrazioni di quattro vite che si intrecciano in un contrappunto scenico quasi musicale.

“Donna non rieducabile” di Santarita Teatro (testo di Stefano Massini, di e con Elena Arvigo, a cura di Rosario Tedesco) è un memorandum immaginario ispirato al lavoro di Anna Politkovskaja, giornalista russa assassinata nel 2006, nota per le inchieste sulla guerra in Cecenia, messo in scena con rigore e passione da Elena Arvigo.

“Le Vacanze dei signori Lagonìa” di Teatrodilina (regia di Francesco Lagi, con Francesco Colella e Mariano Pirrello), già premiati da In-Box nel 2013, costruisce l’epica di un matrimonio durato 40 anni, facendoci spiare un amore spietato e dolce, a volte dispotico e molesto, fatto di “intimità silenziosa e di risate improvvise, furie e riconciliazioni, pianti e mazzate sulle ginocchia”.

programma

 

 

“Comizi di Primavera” da Wedekind chiude la stagione 2013/2014 – Giovedì 8, Venerdì 9 e Sabato 10 maggio

comizi di primavera fb

Giovedì 8, Venerdì 9 e Sabato10, ore21.15 Dialma Ruggiero

COMIZI DI PRIMAVERA_tragedia di bambini
Compagnia degli Scarti con gli studenti-allievi dei laboratori “No Recess”

Ultimo appuntamento della stagione di teatro contemporaneo “Fuori Luogo”.

Una produzione della Compagnia degli Scarti che ha coinvolto circa 40 studenti degli istituti superiori della Spezia (in prevalenza dell’ITG e Liceo Artistico Cardarelli) allievi dei laboratori “No Recess!!” diretti da Renato Bandoli, Enrico Casale e Alessandro Ratti.

Oltre ad assistere agli spettacoli della stagione e a confrontarsi con gli artisti ospiti, gli studenti già dalla scorsa edizione si sono cimentati direttamente in una vera e propria produzione teatrale, con 7 mesi di lavorazione e 10 giorni di allestimento finale, che ha dato loro l’opportunità di “lavorare” in uno spettacolo come dei veri e propri professionisti, nei vari mestieri del “fare teatro”.

Dopo il successo di “Klop”, nella scorsa stagione, quest’anno il lavoro si ispira all’opera controversa di Wedekind, “Risveglio di Primavera”. Un dramma sull’adolescenza, nel quale i giovani si trovano impossibilitati a trovare interlocutori che gli permettano di esprimere pensieri, sentimenti, dubbi e angosce, ansie e inquietudini, e scoprono tragicamente la falsità del mondo. Affamati di verità gli adolescenti di Wedekind scoprono l’ignoranza e l’ipocrisia con cui la società maschera i fatti della vita, e cercano la libertà attraverso una sensualità istintiva e l’emancipazione della carne.

Una tematica quanto mai attuale anche per gli adolescenti della nostra epoca.
Dalla censura e dalla rimozione della sessualità siamo giunti oggi alla sua dilagante esibizione in ogni manifestazione della vita quotidiana, attraverso uno spudorato e “pornografico” sistema d’immagini. La libertà è stata permessa da formidabili mutamenti sociali, o strappata da mille battaglie, ma nessuno ha insegnato come gestirla e i teenager non parlano certo dell’argomento con gli adulti: il dialogo resta anche oggi con i coetanei ma attraverso l’universo virtuale del web e dei social network. Quando poi tutto si trasforma in merce e in affari, allora anche la presunta libertà del corpo si rovescia in una triste ideologia funzionale al dominio. E tutti, più o meno inconsapevolmente, stiamo affondando in un’autentica imitazione dell’inautentico, del falso, dell’inganno, della menzogna. Un mondo inesistente che spesso scambiamo per la realtà.

con Vanessa Aguirre, Irene Alfano, Jennifer Ambrosini, Francesco Ammendola, Federica Belgrado, Pietro Bonaccio, Veronica Cappilli, Lorenzo Cerrutti, Marin “Debo” Debatté, Lisa De Giorgi, Antonietta Del Vecchio, Marta Diofili, Matteo Di Somma, Michele Fedi, Sarah Galati, Anna Ginepro, Damiano Grondona, Agnese Naseddu, Francesca Nieddu, Sophie Papadopuli, Francesca Pesci, Emanuele Piarulli, Elisabetta Ramaglia, Vittoria Rasi, Marco Russello, Lucrezia Silvio, Alice Sinigaglia, Meryem Tagazart, Isabel Tobia, Alessandra Vagli, Giorgia Vizzaccaro

Giovedì 8, Venerdì 9 e Sabato 10, ore 21.15, Centro Giovanile Dialma Ruggiero. Consigliata la prenotazione allo 0187713264 o 3282007184 email fuoriluogolaspezia@gmail.com Biglietto: Intero 13,5€; Ridotto under30: 10€; Studenti: 5€

Il ritorno di Michela Lucenti e Balletto Civile con “Peso Piuma”

manifesto BALLETTO CIVILE peso piuma

Mercoledì 23 e Giovedì 24 aprile – ore 21.15 Centro Dialma Ruggiero

PESO PIUMA
Irriverente azione invocazione anarchica
Balletto Civile

ideazione messa in scena e interpretazione: Michela Lucenti
musiche originali eseguite dal vivo: Luca Andriolo
testi: Silvia Corsi
tecnica: Maurizio Camilli
produzione: Balletto Civile con il sostegno di Fondazione Teatro Due

Dopo il successo di critica e pubblico di Virgilio Sieni, un altro appuntamento unico per il pubblico di Fuori Luogo. Il ritorno sulla scena nella sua città natale di Michela Lucenti, coreografa e anima artistica del collettivo Balletto Civile, ormai tra i più importanti a livello nazionale e impegnato in produzioni e progetti internazionali.

Mercoledì 23 e giovedì 24 aprile alle 21 sarà il collettivo Balletto Civile della spezzina Michela Lucenti, Premio della Critica 2012 e tra le compagnie di teatro danza più importanti in Italia a presentare, Peso Piuma, un’irriverente azione – invocazione anarchica che vede in scena – con la sua esile e potente fisicità – proprio la danzatrice e coreografa Michela Lucenti – accompagnata dalle musiche originali ed eseguite dal vivo da Luca Andriolo – assediata da scarpe femminili in un piccolo deserto di terra rossa. Tra misticismo e ritualità arcaica, si intrecciano preghiere ed invocazioni, prima al padre e poi alla madre. Un teatro fisico e poetico, nello stile della pluripremiata compagnia, che abbraccia musica, danza e parola per coinvolgere lo spettatore in quelle che il collettivo considera le cose importanti della vita: “radici, lotte, morti e rinascite interiori, palpiti adolescenziali, ribellioni adulte, atmosfere suoni colori….”..

Fortemente consigliata la Prenotazione al 3282007184 o a fuoriluogolaspezia@gmail.com (ingresso 13,5 euro, ridotto 10 euro. studenti 5 euro)

Il nuovo spettacolo di Virgilio Sieni (II° data italiana dopo il debutto) a Fuori Luogo La Spezia

PINOCCHIO FB

Venerdì 4 e Sabato 5 Aprile ore 21.15 – Dialma Ruggiero La Spezia

☆EVENTO SPECIALE☆
IL NUOVO SPETTACOLO DI VIRGILIO SIENI

PINOCCHIO_leggermente diverso

II° DATA ITALIANA DOPO IL DEBUTTO

Una grande occasione per il pubblico di Fuori Luogo: uno dei maggiori artisti contemporanei a livello internazionale, direttore della Biennale Danza di Venezia, più volte Premio Ubu, Cavaliere della Repubblica Francese per le Arti, porta a Fuori Luogo il suo nuovo spettacolo, commovente ed intenso. In scena un giovane danzatore non vedente guidato dal grande coreografo, per un Pinocchio leggermente diverso

Pinocchio di Virgilio Sieni è una fiaba sulla nascita e la crescita dell’uomo alla ricerca dell’origine dei sensi. Giuseppe è un non vedente che da alcuni anni si prepara alla danza.
Giuseppe/Pinocchio ci conduce al dettaglio e nelle varie scene ci mostra l’addentrarsi nei particolari, tra intimità e inquietudine. Lo spettacolo è composto da fughe, quadri che sono viaggi ed esercizi commoventi nel dettaglio, nel luogo, nella luce: ritratti di vita che perdono resistendo con uno sguardo dentro.
Questo Pinocchio leggermente diverso si avvicina al silenzio, corre adiacente a certi corpi come nelle albe di Piero della Francesca (Battesimo di Cristo a Londra), nei colori della luce del Tiepolo (Mosè salvato dalle acque), nell’incarnato del Bellini (Pietà all’Accademia di Venezia). Giuseppe/Pinocchio ha piantato il suo bosco sacro, lasciandoci al bosco e donandoci uno spazio che è recinto di resistenza e non luogo del consumo: intimo e struggente cammino verso una benevolenza del gesto, a desiderare di essere nell’ombra del burattino e a proteggere il danzatore cieco.

Fortemente consigliata la Prenotazione al 3282007184 o a fuoriluogolaspezia@gmail.com (ingresso 13,5 euro, ridotto 10 euro. studenti 5 euro)

A Fuori Luogo Robe dell’altro mondo – Arriva Carrozzeria Orfeo!

carrozzeria robe promo1

Venerdì 28 e Sabato 29 marzo ore 21.15 Centro Giovanile Dialma Ruggiero

ROBE DELL’ALTRO MONDO
Carrozzeria Orfeo

Premio Siae 2013
Premio Last Seen 2013

Uno spettacolo stravagante e travolgente, tra il cinema e il fumetto, di una delle più promettenti compagnie emergenti italiane, che analizza con toni surreali e acutissimi le dinamiche di “paure metropolitane”, pregiudizi ed insicurezze che imprigionano l’umanità e che lo sbarco di improbabili alieni arriva a scardinare.

Ironico e lucidissimo lavoro capace di mettere in scena sentimenti come pregiudizio, intolleranza, sospetto, insicurezza, solitudine, terrorismo ideologico, dimostrando come arrivano ad influenzare costantemente un tessuto sociale sempre più fragile e disarmato.
Ad essere indagato è un un mondo incrinato da una profonda crisi economica, sociale e umana, dove ogni via d’uscita sembra ormai perduta e l’unica speranza di salvezza è rappresentata dagli Alieni, da qualche tempo sulla terra per aiutarci a risolvere i nostri
problemi più gravi. Inizialmente percepiti come un miracolo vengono poi demonizzati, strumentalizzati ed eliminati da chi detiene un potere costituito privo di alcun interesse al cambiamento. I notiziari in sottofondo accompagnano la trama, raccontando le contraddizioni e le distorsioni del nostro tempo, specchio di una società ridicola e invasiva, nella quale il fatto diventa notizia, la notizia pettegolezzo, il pettegolezzo verità.
Perfettamente recitato con maschere caricaturali, dai ritmi serrati e dalla straordinaria forza visiva, capace di utilizzare uno “sfasamento temporale” quasi cinematografico che disorienta lo spettatore, introducendolo maggiormente in questo scenario sconcertante e apocalittico, è un lavoro che riesce a far riflettere – e rabbrividire – con una risata amarissima.

Fortemente consigliata la Prenotazione al 3282007184 o a fuoriluogolaspezia@gmail.com (ingresso 13,5 euro, ridotto 10 euro. studenti 5 euro)